Condividi

ricambi vespa

Panoramica cilindri per Vespa smallframe

Domande e risposte frequenti sulla Vespa (F.A.Q.)

Moderatori: JasonPX, Gianluca, 150, andre45wasp, Mimmo, Moderatori

Avatar utente
JasonPX
moderatori globali
moderatori globali
Messaggi: 5441
Iscritto il: 24/01/2015, 22:44
LocalitĂ : Bari

Panoramica cilindri per Vespa smallframe

Messaggioda JasonPX » 28/01/2015, 0:07

AUTORE DISCUSSIONE CARLO75


Ecco una panoramica dei vari cilindri disponibili per vespe “smallframe” e le relative caratteristiche.

Nota: questo elenco non pretende di essere completo ed esaustivo di tutti i cilindri in commercio, ma solo di dare delle indicazioni utili sui cilindri piĂą diffusi.

Cilindri per corsa corta

DR 50cc (cod. KT 00010)
Polini 50cc (cod. 140.0091)
Cilindri da utilizzare in alternativa al ricambio originale, senza necessitĂ  di altre modifiche.
Il Polini è leggermente più spinto del DR.
Consentono una potenza di 3-3.5cv per una velocitĂ  di circa 65-70kmh.

DR 75cc 3 travasi (cod. KT 00011)
Cilindro non spinto, ma economico ed affidabile, da utilizzare anche in alternativa all’originale quando si voglia maggiorare la cilindrata. Rispetto al 50 consente un buon incremento di coppia. Può essere montato anche con carburatore e marmitta originali, oppure lo si può abbinare ad un carburatore da 16 mm ed una marmitta leggermente più aperta.

DR 75cc 6 travasi (cod. KT 00013)
Polini 75cc (cod. 140.0053)
Malossi 75cc (cod. 31 7903)

Cilindri leggermente piĂą spinti, dal buon rapporto prestazioni-affidabilitĂ . Si possono montare anche senza modifiche (maggiorando ovviamente il getto sul carburatore originale) ma danno il meglio in abbinamento ad un carburatore da 16 o 19 mm, una buona marmitta e possibilmente rapporti leggermente allungati.

DR 75cc 10 travasi “Formula 1” (cod. KT 00049)
Polini 75cc “Racing” (cod. 140.0053/R)

Top performances 75cc "Futura" (cod. 99.1283.0)
Questi cilindri sono i più spinti nella classe 75cc, con fasature studiate per il raggiungimento di elevati regimi di giri. Per sfruttarli al meglio è d’obbligo alimentarli con un carburatore 19mm ed abbinare una buona marmitta;consigliati anche i lavori di raccordatura travasi e anticipo albero. Grazie alle loro caratteristiche consentono buone velocità anche lasciando i rapporti originali, ma è fortemente consigliato, per ragioni di affidabilità, puntare su una rapportatura allungata.

Pinasco 75cc alluminio (cod. 10011839)
Gruppo termico con ottime caratteristiche di affidabilità e longevità grazie al cilindro in alluminio con riporto al Nichel-Silicio; a livello di impostazione e prestazioni può essere paragonato ai Polini e DR a 6 travasi.

Polini 75cc alluminio per HP (cod. 140.0190)
Cilindro ad alte prestazioni grazie allo scarico a “w” ed alla fasatura, ma al tempo stesso di ottima affidabilità grazie alla costruzione in alluminio e all’ampia alettatura. Si monta senza modifiche sulle 50 HP; è possibile adattarlo alle altre 50 sostituendo i prigionieri con quelli lunghi e la cuffia con quella tipo HP. Rende al meglio con carburatori da 19 a 24mm ed eventualmente anche travasi raccordati ed albero anticipato.

DR 85cc 3 travasi (cod. KT 00012)
Polini 85cc (cod. 140.0059)
Pinasco 85cc (cod. 10010880)

Cilindri non molto spinti, rispetto ad un 75cc offrono sostanzialmente più coppia e per questo motivo sono spesso consigliati per l’utilizzo su Ape 50. Non raggiungono regimi molto elevati e di conseguenza, per sfruttarne le prestazioni, è consigliato l’abbinamento con una rapportatura allungata (da 18/67 a 22/63) oltre che ad un carburatore da almeno 16mm.

DR 102cc 6 travasi (cod. KT 00014)
Altro cilindro “tranquillo” ma con ottima coppia grazie alla cilindrata. Consigliato per preparazioni affidabili e robuste che sfruttino un allungamento della rapportatura primaria per ottenere un aumento della velocità massima. Ideale l’abbinamento con un carburatore da 19mm ed una marmitta un poco più aperta dell’originale. I travasi sono poco più ampi del 50 originale quindi la raccordatura non è necessaria.

Polini 102cc (cod. 140.0056)
Malossi 102cc (cod. 31 8691)

Un po’ più performanti del DR 102cc, rappresentano un ottimo punto d’incontro tra prestazioni e durata. Il Malossi ha fasature leggermente più spinte del Polini e quindi tende a lavorare a regimi un po’ più alti.
Per ottenere le prestazioni ottimali da questi cilindri è pressoché obbligatorio aprire il blocco per eseguire il raccordo dei travasi ed anticipare l’albero (o montarne uno anticipato) oltre che ovviamente adeguare la rapportatura.Carburatore da 19 o 24mm e marmitta Proma, Polini, Simonini, ecc. (anche Sito a siluro per dare meno nell’occhio).

Pinasco 102cc alluminio (cod. 10011840)
Impostazione simile ai Malossi e Polini ma con la particolarità del cilindro in alluminio per un’ottima affidabilità e resistenza all’usura.

Polini 102cc “doppia aspirazione”
Interessante gruppo termico che sfruttava un apposito collettore sdoppiato in modo da avere, oltre all’aspirazione tradizionale al carter, anche l’aspirazione al cilindro. In tal modo permetteva prestazioni elevate anche senza aprire i carter per anticipare l’albero (l’apertura si rendeva comunque necessaria per sostituire la primaria). Da abbinare idealmente ad un carburatore da 24mm. Purtroppo è recentemente uscito di produzione.

Zirri 102cc (cod. 04238)
Cilindro “estremo” dalle fasature esasperate da montare obbligatoriamente con la sua marmitta, ovviamente dopo aver raccordato i travasi e anticipato l’albero, ed un carburatore generoso (Zirri consiglia un 25).Rapportatura consigliata 24/72.

Polini 112cc (cod. 140.0058)
Malossi 112cc (cod. 31 8694)

“Fratelli maggiori” dei rispettivi gruppi termici da 102cc, sono i cilindri di più elevata cubatura disponibile per i corsa corta. Rispetto alle versioni di 102cc offrono ancora un po’ di coppia e potenza in più. Il Malossi fino a qualche tempo fa era disponibile anche in versione con aspirazione al cilindro, ora non più in produzione.

Cilindri per corsa lunga

DR 130cc (cod. KT 00015)
Cilindro tranquillo, affidabile e longevo. Può essere montato sulle 125 Primavera ed Et3 senza altre modifiche che una leggera maggiorazione del getto massimo, offrendo un buon aumento di coppia ed un discreto aumento di potenza. Non necessita di lavori all’interno del blocco.

Polini 130cc (cod. 140.0050)
Un cilindro di utilizzo pressoché universale, più potente del DR e con maggiori doti di allungo, ma ancora molto affidabile e duraturo. Può essere utilizzato con successo sia come cilindro turistico, sia per utilizzo sportivo. In quest’ultimo caso è d’obbligo procedere ai lavori di anticipo albero, raccordatura travasi e abbinamento con un carburatore 24 ed una adeguata marmitta. Nelle preparazioni più estreme si può incrementare ulteriormente la potenza lavorando opportunamente le luci del cilindro.

Polini 130cc “doppia aspirazione” (cod. 140.0051/L)
Caratteristiche analoghe al 130 singola aspirazione, ma con la particolarità della doppia alimentazione cilindro più carter realizzata con l’apposito collettore sdoppiato. Come il fratello minore di 102cc, permette di ottenere elevate prestazioni anche senza aprire il blocco, ma necessita di una taratura della carburazione più accurata rispetto alla versione “singola aspirazione”. Carburatore consigliato da almeno 24mm e marmitta adeguata.

Pinasco 125cc (cod. 10030794)
Un cilindro in alluminio, con fasature piuttosto tranquille ma con la particolaritĂ  del pistone monofascia. Alta affidabilitĂ  e durata nel tempo.Ideale per il turismo.

M1 by Zirri-Quattrini
Gruppo termico di nuova concezione, nato dalla collaborazione tra Angelo Zirri e Massimo Quattrini.
Il cilindro è in alluminio con riporto al nichel-silicio, con 5 travasi (4 principali e 1 frontescarico), pistone monofascia, testa a conformazione emisferica con banda di squish. L'alesaggio è di 56mm per una cilindrata effettiva di 125,6cc.
Il gruppo termico è studiato per l'alimentazione al carter e si presenta molto curato nei materiali e nelle finiture.
Grazie all'accurato studio fluidodinamico e alle fasature non esasperate si adatta bene a molteplici configurazioni.
Può essere montato anche semplicemente in sostituzione del gruppo termico 125 originale ottenendo, a detta di chi lo ha provato, prestazioni superiori rispetto a un Polini o Malossi, particolarmente in termini di coppia e tiro ai medi e bassi regimi.
Oppure lo si può sfruttare in configurazioni decisamente più spinte, magari aumentando in questo caso la fasatura di scarico, ed avendo cura di adottare gli accorgimenti necessari, come raccordo travasi, albero anticipato, carburatori generosi e marmitta adeguata. Molto indicato l'abbinamento con la marmitta Zirri dedicata denominata M6 e l'accensione ad anticipo variabile Vespatronic-M5.
L'unico "neo" a quanto pare è il costo di circa 300 euro, ma si sa che il vero appassionato è disposto a spendere...

Malossi 132cc (cod. 31 5260)
Gruppo termico curato e performante, con fasature leggermente più spinte del Polini. Permette di ottenere buone potenze ed elevati regimi di giri. Ha la particolarità di poter essere configurato con aspirazione tradizionale al carter, oppure con aspirazione al cilindro, configurazione nella quale dà il meglio di sé. Va abbinato con carburatori da almeno 24mm (esiste anche il kit Malossi per aspirazione al cilindro con carburatore 25 già pretarato), travasi raccordati e (nel caso di aspirazione al carter) albero anticipato.
Con una bella espansione tipo la Zirri Silent o la Simonini D&F e una rapportatura abbastanza lunga, ma con quarta corta Zirri, questo cilindro raggiunge l’optimum.

Parmakit 130cc "New Age"
Gruppo termico in alluminio di recente commercializzazione, di impostazione "sport-touring". La testa, di pregevole fattura, è in ergal, ricavata dal pieno ed anodizzata di colore blu, ed è disponibile con candela in posizione centrale oppure laterale/inclinata. Il pistone è un Vertex monofascia. Disponibile in due versioni, per aspirazione tradizionale e con aspirazione lamellare al cilindro, quest’ultimo con pacco lamellare alloggiato direttamente sul cilindro. Consigliato l'abbinamento con primaria 27/69 o 24/61, marmitta Parmakit "New Age" (o altra marmitta a espansione) e accensione Parmakit ad anticipo variabile. Carburatori da 24 a 28mm per l'aspirato al carter e da 25 a 30 per il lamellare al cilindro.
Ed ecco i codici di questo gruppo termico:
cod. 57003.00 Aspirazione al carter, candela laterale
cod. 57006.00 Aspirazione al carter, candela centrale
cod. 57001.00 Aspirazione al cilindro, candela centrale, collettore di aspirazione d.25
cod. 57002.00 Aspirazione al cilindro, candela centrale, collettore di aspirazione d.30
cod. 57004.00 Aspirazione al cilindro, candela laterale, collettore di aspirazione d.25
cod. 57008.00 Aspirazione al cilindro, candela laterale, collettore di aspirazione d.30

Zirri 130cc (cod. 04216)
Cilindro in ghisa, bifascia, dalle fasature molto spinte, può raggiungere potenze elevate, a patto di curare scrupolosamente l’installazione e la messa a punto.Prevede l’aspirazione tradizionale al carter; la soluzione ideale è installare il kit completo previsto da Zirri, composto, oltre che dal gruppo termico, dalla marmitta a espansione nelle versioni per montaggio dritto o girato, dal carburatore da 34mm pretarato e dall’albero anticipato. Naturalmente i travasi andranno accuratamente raccordati al nuovo cilindro, possibilmente con apertura del terzo travaso. Come rapportatura ideale la 27/69 o 24/61 più quarta corta Zirri.

Zirri 135cc (cod. 04044)
Cilindro “estremo”, monofascia, prevede la configurazione con aspirazione al cilindro e presenta un ampio alloggiamento per il pacco lamellare sul cilindro stesso.Va montato obbligatoriamente con gli altri componenti del kit che comprende collettore di aspirazione specifico e pacco lamellare a 6 petali, carburatore 34 mm, marmitta per montaggio dritto o girato ed albero motore a spalle piene. Per raccordare i carter con i grandi travasi di questro kit è indispensabile riportare alluminio all’esterno dei carter. Quarta corta di rigore.

Fabrizi 145cc (cod. 2116)
Cilindro “esclusivo”, potente e curato. Bifascia con traversino allo scarico. Disponibile nelle versioni in ghisa ed alluminio. Venduto come kit completo insieme a marmitta, impianto di alimentazione ed albero motore. Anche qui, come per lo Zirri 135, si richiede riporto di materiale sui carter per il corretto raccordo. Rapportatura consigliata 22/63.

Fabrizi 152cc (cod. 2217)
Come sopra, ma con albero motore specifico corsa 54mm per una cilindrata effettiva di 152cc. Promette prestazioni esaltanti!


Links utili

Fabrizi:http://www.fabriziracing.com/fht/index.php
Malossi:http://www.malossi.com/
Parmakit:http://www.parmakit.com/
Pinasco:http://www.pinasco.com/
Polini:http://www.polini.com/
Top Performances (per Gruppi termici DR):http://www.topperformances.com/
Zirri:http://www.angelozirri.it/


NOVITA' M1L by Zirri-Quattrini
Altro nuovo prodotto nato dalla collaborazione tra Zirri e Quattrini, si tratta in pratica della variante dell'M1 con aspirazione lamellare al cilindro.
Le caratteristiche di base rimangono invariate, quindi il cilindro è in alluminio con riporto al nichel-silicio, con 5 travasi (4 principali e 1 frontescarico), pistone monofascia, testa a conformazione emisferica con banda di squish. L'alesaggio è di 56mm per una cilindrata effettiva di 125,6cc. L'unica differenza significativa rispetto all'M1 è la presenza dei fori booster di scarico, mentre a livello di fasature non ci sono sostanziali variazioni (giusto un paio di gradi in più sia sui travasi sia sullo scarico).
E' venduto al prezzo di 380 euro completo di collettore di alimentazione e pacco lamellare.
Sono inoltre disponibili come accessori dedicati a questo kit una frizione speciale denominata M2, la marmitta specifica M3XC e tre diversi carburatori pretarati, da 26, 30 e 34mm.

NOVITA' M1L/H20 by Zirri-Quattrini
Stesse caratteristiche dell'M1L, ma con raffreddamento a liquido!
Venduto al prezzo di 620 euro completo di collettore di alimentazione e pacco lamellare.

AGGIORNAMENTO - NOVITA' 2009-2010

Parmakit

La Parmakit, per la gioia di tutti noi appassionati vespisti, ha introdotto parecchi nuovi prodotti nel corso di questi due anni (ed altri ne arriveranno nel 2011). Ecco i piĂą importanti.

Parmakit SP09
Gruppo termico di ultima generazione, realizzato in collaborazione con Stefano Scauri. Il cilindro è in alluminio con canna trattata con riporto al Nichel-Silicio. L'aspirazione è tradizionale al carter, la distribuzione è a 5 luci di travaso e lo scarico, a scelta dell'acquirente, può essere a luce singola, oppure sdoppiata con traversino. Il pistone è un Vertex monofascia e la testa è in ergal ricavata dal pieno e anodizzata blu, con possibilità di avere la candela in posizione centrale oppure laterale. Si tratta di un gruppo termico con caratteristiche più "racing" rispetto alla versione "New Age" (che rimane in produzione), soprattutto per quanto riguarda le fasature (circa 190° di scarico e 130° di travasi) e la portata dei condotti di travaso, ma che comunque si presta bene (a seconda della configurazione adottata) anche ad un utilizzo "sport-touring". Consigliato l'abbinamento con marmitta Parmakit, accensione ParmaKit ad anticipo variabile e carburatore di dimensioni adeguate (da 26mm in su).
I codici sono i seguenti:
cod. 57050.00 candela centrale, scarico con traversino
cod. 57060.00 candela laterale, scarico con traversino
cod. 57055.00 candela centrale, scarico singolo
cod. 55065.00 candela laterale, scarico singolo

Parmakit W-Force

Nuovissimo cilindro "Racing" di ultima generazione, anch'esso realizzato in collaborazione con Scauri. Anche in questo caso si tratta di un gruppo termico in alluminio ma con aspirazione lamellare al cilindro e pacco lamellare a "w" di dimensioni generose. Distribuzione a 5 travasi, dei quali i due secondari sono in collegamento diretto con il pacco lamellare (una soluzione ispirata al Rotax 123 dell'Aprilia 125), scarico con traversino e testa ricavata dal pieno e scomponibile, anodizzata in rosso. Disponibile con alesaggio 58mm (135cc) e 60mm (144cc), in entrambi i casi è richiesta la barenatura dell'imbocco dei carter. Vi è inoltre la possibilità di richiedere la versione per lunghezza di biella standard (97mm) oppure con biella interasse 105mm (utile per incrementare la volumetria del carter-pompa). Consigliato l'abbinamento con l'apposita marmitta Parmakit, accensione ad anticipo variabile ParmaKit SP e carburatori da 34 a 40mm.

Parmakit 130 ECV (cod. 57200.00)
Versione "economica" del gruppo termico New Age, se ne differenzia essenzialmente per la testa standard (fusa in alluminio) anzichè ricavata dal pieno. Il resto delle caratteristiche rimane invariato. Ottima scelta per chi non vuole rinunciare alle peculiarità del cilindro in alluminio, pur limitando i costi.

Parmakit 130 lamellare ECV
Versione "economica" del gruppo termico New Age con aspirazione lamellare al cilindro. La differenza anche qui consiste nella testa standard anzichè in ergal ricavata dal pieno; il resto è invariato.

Parmakit SP 09 ECV
Versione economica dell'SP 09, se ne differenzia per la testa standard anzichè ricavata dal pieno.

Parmakit SP 09 EVO 2011
Rappresenta l'evoluzione in chiave piĂą spiccatamente racing del cilindro SP09. Disponibile in due cilindrate, con alesaggio di 58 o 60 mm. Il d. 60 richiede l'abbinamento con albero motore specifico con biella interasse 105mm.
cod. 57052.00 d.58 candela centrale
cod. 57053.00 d.58 candela laterale
cod. 57054.00 d.60 candela centrale
cod. 57056.00 d.60 candela laterale

Per alcuni dei kit è disponibile anche la versione con raffreddamento a liquido.

Polini

130cc "Racing" (art. 140.0050/R)
. Stesse caratteristiche del 130 standard, ma con una nuova testa ad alta compressione, studiata per aumentare la dissipazione del calore e dotata di una inedita guarnizione in rame da interporre tra testa e cilindro.

130cc "Evolution"(cod. 140.0211). Gruppo termico "Racing" di nuova generazione con alimentazione tradizionale al carter. Il cilindro è in alluminio con riporto al Nichel-Silicio, sei luci di travaso e scarico singolo. Il pistone a due segmenti é trattato superficialmente al bisolfuro di molibdeno. Alesaggio 57mm e corsa "standard" 51.
Sono disponibili per questo cilindro l'albero Polini dedicato, anticipato e bilanciato (cod. 210.0033), e il collettore per il montaggio di carburatori Polini PWK da 24, 26 o 28mm. Consigliato l'abbinamento con la marmitta Polini Evolution (cod. 200.0291 per Primavera/ET3) o altra marmitta ad espansione, ed eventualmente l'accensione ad anticipo variabile.

135cc Evolution Lamellare (cod. 140.0212): Gruppo termico Racing di nuova generazione caratterizzato dall'alimentazione lamellare al cilindro. Il cilindro è in alluminio con riporto al Nichel-Silicio, distribuzione a sei luci di travaso e scarico sdoppiato con traversino. Il pistone monosegmento è trattato al bisolfuro di Molibdeno. L'alesaggio è 57mm e la corsa è di 52.8mm, è previsto infatti l'abbinamento con l'apposito albero Polini con biella da 102mm e corsa 52.8 (codice 210.0034) per il montaggio del quale è necessario barenare la sede dell'albero motore nel carter.
All'interno del kit è fornito inoltre il pacco lamellare a 6 petali e il collettore per l'abbinamento ai carburatori Polini PWK da 24-26-28mm. La marmitta consigliata è la Polini Evolution.

Falc Racing

I cilindri Falc Racing sono oggetti molto particolari. Prodotti interamente in alluminio e con travaseria molto evoluta, sono disponibili in varie versioni. Si parte dal 57x51 e 60x51 con aspirazione tradizionale al carter (codice V0011S per il d. 57 e V0012S per il d.60), per arrivare ai kit con aspirazione lamellare al cilindro, disponibili in varie cilindrate: 57x51 (130cc) 57x54 (138cc) 60x51 (144cc) 60x53 (150cc) 60x54 (153cc). Caratteristiche comuni sono la distribuzione a 5 luci di travaso (6-7 luci per gli aspirati al carter) e lo scarico sdoppiato con traversino (ma esiste anche la possibilità su alcuni dei kit di avere lo scarico singolo). Il d. 60 presenta la particolarità del pistone a due fasce, per gli altri invece è monofascia. Le versioni 130 cc richiedono unicamente il solito lavoro di raccordatura dei travasi, mentre per le cilindrate maggiori si rendono necessari anche la barenatura dell'imbocco del cilindro sul carter e (a seconda dell'albero motore e della lunghezza di biella) della sede dell'albero nel carter. Si tratta di prodotti al top, che richiedono un montaggio scrupoloso e componentistica di prim'ordine (consigliato l'abbinamento con gli alberi Falc dedicati, frizione e marmitta Falc; carburatori da 30mm in su), ma ricambiano con prestazioni esaltanti unitamente ad un'eccellente affidabilità, grazie alla cura di ogni dettaglio. Inoltre il produttore, Lauro Caforio, può fornire a richiesta kit su specifiche del cliente. Prestazioni e qualità al top, dunque...e prezzo di conseguenza.

Link

Falc Racing:http://www.falcracing.it
Immagine

CLICCA QUI (REGOLAMENTO FORUM) - (LOGO E TOPPA VESPAFOREVER) CLICCA QUI

CLICCA QUI (GUIDA ALL'INSERIMENTO DELLE IMMAGINI)

CLICCA QUI (MOTORE BY LOLLO - P125X '80 di JasonPX)

  • Spazio pubblicitario

Torna a “Domande frequenti sulla Vespa (F.A.Q.)”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron